Insufficienza della Vena Safena

Fino a qualche anno fa, il consiglio medico più frequente in caso di vene varicose era quello di togliere la safena, ormai incapace di trattenere il sangue. L’operazione chiamata “stripping” consisteva nell’estrazione della vena, che veniva staccata all’altezza dell’inguine e del dorso del piede, per poi sfilarla con un apposito strumento flessibile. Tuttavia questo intervento, che se eseguito a regola d’arte comporta la scomparsa delle varici, è comunque gravato da una discreta invasività chirurgica e da un conseguente periodo di convalescenza e di effetti collaterali.

Oggi i centri medico-chirurgici di eccellenza come il Centro Laser di Monza, in una percentuale media del 30%, sono in grado di trattare efficacemente l’insufficienza della vena safena con il laser a diodi endovascolare o con il Laser 1319 nm: in questo modo l’intervento risulta notevolmente semplificato, e non è più necessario effettuare lo stripping chirurgico.

Il trattamento dell’insufficienza della safena con il laser consente oggi di risolvere il problema delle varici con un intervento ambulatoriale e non invasivo, sigillando la vena senza rimuoverla, e con tempi di ripresa delle proprie attività pressochè immediata.

Per maggiori informazioni sul trattamento dell’insufficienza della vena safena con laser endovascolare, i pazienti residenti in provincia di Milano, a Monza e in Brianza possono rivolgersi al Centro Laser Monza, una realtà moderna ed efficiente inserita nell’innovativo contesto Cam di Monza, in Viale Elvezia, angolo Via Martiri Delle Foibe 3, componendo il numero telefonico: 039.32.94.94 o scrivendo all’indirizzo e-mail: segreteria.centrolasermonza@gmail.com. Vi aspettiamo per consulti gratuiti e senza impegno per la risoluzione di capillari delle gambe e del viso, insufficienza della vena safena, neoformazioni benigne, nevi, cisti, acne attiva, esiti cicatriziali post-acne, verruche, macchie, cicatrici, tatuaggi traumatici e cosmetici con il laser.

CONTATTACI